Johannes Bückler

Johannes Bückler

08-02-2022

20:30

Ero sul Manin, cacciatorpediniere della Regia Marina, all'alba del 3 aprile 1941 a una trentina di miglia da Port Sudan, dopo una navigazione di 270 miglia. Fu lì che tutto il convoglio fu attaccato da circa 70 bombardieri Bristol Blenheim ed aerosiluranti Fairey Swordfish

In che condizioni era la flotta italiana nel Mar Rosso? Critiche. Senza materie prime, nafta, pezzi di ricambio, munizioni, siluri e attrezzature e l'impossibilità di ricevere alcun aiuto dall’Italia. In brutte condizioni è vero, ma a bordo c'erano marinai straordinari.

Da giorni le cose si stavano mettendo male per i cacciatorpedinieri italiani. Potevamo raggiungere in relativa sicurezza le coste dell’Arabia Saudita o dello Yemen, neutrali, almeno nominalmente. Salvarci, insomma. Ma tutti gli equipaggi si erano rifiutati.

Il 31 marzo si era quindi deciso di compiere un attacco congiunto contro Port Sudan e Port Suez. Si doveva navigare di notte per evitare la Royal Navy e la RAF che, dopo la distruzione di quasi tutta l'aviazione italiana, dominava i cieli dell'Africa Orientale.

In effetti cercammo di partire la notte del primo aprile. Ma il cacciatorpediniere Leone, l’unico con tutta la strumentazione in ordine, si incagliò con gravi danni che ne rese necessario l’autoaffondamento. Per questo l’azione fu annullata. Costretti a partire in pieno giorno.

Esattamente da Massaua, alle 14.00 del 2 aprile 1941. I cacciatorpedinieri Tigre e Pantera verso Port Suez, il Sauro, Battisti e Manin verso Port Sudan. Meglio che mi presenti, prima dell’irreparabile. Mi chiamo Ibrahim Faruk Mohammed, sottufficiale eritreo della Regia Marina.

l nostro convoglio venne intercettato all’alba del 3 aprile dai bombardieri Bristol Blenheim. Cominciò il Battisti ad avere dei problemi. Andò in avaria e lasciò la formazione verso la costa araba. Dopo aver sbarcato l’equipaggio si autoaffondò.

Poi toccò al Sauro. Alle 9 del mattino lo centrò una bomba da 224 kg. La nave s'inabissò in appena mezzo minuto, portandosi con sé i 78 uomini dell'equipaggio. Restavamo solo noi del Manin. Ma solo per poco. Già, povero Manin.

Era un cacciatorpediniere acciaccato. Il Manin era stato varato nel 1925 e aveva partecipato a numerose missioni. I lavori di climatizzazione ne avevano rallentato velocità ed autonomia. Malgrado tutto resistemmo per oltre tre ore.

Centrato da due bombe da 224 kg, il Manin rimase immobilizzato. A quel punto vennero attivate le cariche esplosive per l'autoaffondamento. Ma non esplosero. Per questo il tenente Crisciani, Batageli e Sacchetto ritornarono sulla nave. Che si spezzò, trascinandoli a fondo.

Nel frattempo erano state messe a mare due lance, prive di motori e viveri. Su una di queste c’era il comandante Fadin con un ginocchio sfracellato ed una coscia traforata. Ed una sessantina di superstiti. E c’ero io. Eravamo troppi, c’erano feriti, e non c'era posto per tutti

Fu così che, dopo aver lasciato il mio posto a un marinaio ferito, rifiutando ogni cambio, mi immersi nell’acqua restando aggrappato un giorno e una notte al bordo della scialuppa. Ma persi le forze e ad un certo punto salutai il mio comandante. Prima di scomparire nell’oscurità

“Con raccapriccio,ma con profondo orgoglio che rende nel caso stolida ogni supremazia razziale, rivedo Faruk, il bulukbasci, ancora giovane di anni e forte nella persona, avvicinarsi lungo il bordo, appoggiare le sue nere mani dalle palme bianchissime, sul mio braccio abbandonato

e dirmi nel suo strano italiano “addio Comandante – io avere finito ogni forza – io ti ringraziare”, lasciare poi di tenersi aggrappato scomparire nella notte. Non lo abbiamo più riveduto, ma non potrò dimenticare lo sguardo dell’addio

fatto di fredda rassegnazione e della più orgogliosa fierezza che non trova a mio parere, nell’ambito della virtù militare degna ricompensa e che mi fa sembrare banale ogni segno che testimonia sul petto di taluni allievi della gloria di un atto o gesto fortunato”.

Dopo una settimana di pericoli, fame e sete, la lancia approdò sulle coste dell’Arabia Saudita, paese neutrale. Secondo le convenzioni internazionali ritornarono in Italia in occasione di uno scambio di prigionieri patrocinato dalla Turchia, anch’essa neutrale.

Mohammed Ibrahim Faruk, nato a Massaua, bulukbasci delle truppe coloniali italiane (equivalente al grado di sergente del Regio Esercito) è stato insignito della medaglia d'oro al valor militare (M.O.V.M) nel 1947.

«Imbarcato da pochi giorni su Cacciatorpediniere, prendeva parte, distinguendosi per bravura, al disperato tentativo di attacco a Base Navale avversaria, durante il quale l'unità veniva sottoposta ad incessanti attacchi aerei che ne causavano l'affondamento.

Trovatosi naufrago su imbarcazione a remi con oltre sessanta superstiti, rinunziava al proprio posto per assicurare l'altrui salvezza, restando per l'intera notte aggrappato fuori bordo. Esaurito dallo sforzo, anziché chiedere il cambio,

si allontanava dall'imbarcazione dopo aver ringraziato il Comandante ed affrontava sicura morte, dando luminoso esempio di virtù militare, di spirito di sacrificio e di abnegazione»



Follow us on Twitter

to be informed of the latest developments and updates!


You can easily use to @tivitikothread bot for create more readable thread!
Donate 💲

You can keep this app free of charge by supporting 😊

for server charges...